5 domande da porsi prima di acquistare una polizza vita

5 domande da porsi prima di acquistare una polizza vita

0 Flares 0 Flares ×

Le polizze vita sono una tipologia di polizza a se stante. A differenza delle polizze auto o di qualsiasi assicurazione per la propria abitazione non si rinnovano di anno in anno. Di norma, ogni qual volta si procede a stipulare una polizza vita si prende un impegno per 10, 20 o anche per più di 30 anni.

Ecco, perché importante fare una scrupolosa ricerca prima di stipulare una assicurazione sulla propria vita. In particolare, è di vitale importanza fare le corrette domande al vostro agente assicuratore, per comprendere se la polizza che vi sta offrendo è quella più idonea alla vostra situazione.

1: Come determinare l’importo dell’assicurazione?

Questa è sicuramente una delle domande chiave che ogni persona si fa. Anche se potreste aver sentito parlare di statistiche e/o di casi simili al vostro, ogni persona ha una necessità economica differente da un’altra. Per alcuni potrebbero essere abbastanza alcune mensilità del proprio stipendio, per altri potrebbero essere 10 volte il proprio reddito annuo. Cifre come questa, si raggiungono in presenza di figli piccoli o che stanno studiando. In questo modo, il genitore che stipula l’assicurazione sulla propria vita è in grado di offrire ai propri figli un futuro senza brutte sorprese.

2: Quanto a lungo deve durare la polizza vita?

Una volta che avrete determinato l’importo che ritenete più congruo, il passo successivo è determinare il tipo di politica della polizza: assicurazione sulla vita permanente o a termine. Le polizze vita permanenti sono delle polizze che hanno una copertura su tutta la vita, e spesso pongono il contraente di fronte a un grosso investimento. Mentre, le polizze a termine sono quelle che hanno una durata di anni prefissata al momento della stipula del contratto.

3: Che cosa succede se non pago una o più rate?

Se si acquista una polizza di assicurazione sulla vita a termine la risposta è semplice, se si smette di pagare i benefici della polizza terminano. La copertura assicurativa di cui si godeva si estingue, con la dismissione dei pagamenti. Mentre, se si è scelto di avviare una polizza vita a termine, in alcuni casi si ha anche la possibilità di saltare il pagamento di alcune rate. In ogni caso, è bene verificare con il proprio assicuratore la presenza di penali e/o di accise su un eventuale ritardo nel pagamento.

4: Che cosa mi posso aspettare dalla mia polizza?

Se avete scelto di firmare una polizza a vita permanente, siete già a conoscenza del premio assicurativo di cui beneficiano i vostri eredi. Al momento della stipula, vi vengono descritti tutti i premi a voi riconosciuti, in caso di morte.
In caso di polizza vita a termine, le percentuali di guadagno sono tanto maggiore man mano che si paga un numero maggiore di rate. Più ci si avvicina alla conclusione del contratto, maggiore sarà il guadagno sul capitale che si è investito.

5: È possibile utilizzare i premi assicurativi in diversi modi?

Se si sceglie una polizza assicurativa sulla vita permanente, si potrebbe decidere di compensare questa polizza con le entrate della pensione. In questo modo, avrete la possibilità di beneficiare per un periodo maggiore dei benefici di questa polizza.

Alcuni pensionati, utilizzano una parte della polizza vita per le spese o gli imprevisti di tutti i giorni. In questo modo, anche se ci fossero dei problemi insormontabili, tutto si può risolvere nel migliore dei modi.

Nell’altro caso, al termine della polizza, il beneficiario può godere dei soldi guadagnati come meglio crede. In questo modo, è sicuro di ricevere una considerevole somma di denaro.

0 Flares Facebook 0 Twitter 0 Google+ 0 LinkedIn 0 0 Flares ×